Prestiti velocissimi per colf: le soluzioni più vantaggiose, dettagli

Indice dei contenuti

In che cosa consiste un prestito agevolato?

Quando si parla di prestiti agevolati, ci si riferisce a prestiti che vengono erogati a gruppi economicamente svantaggiati. Ad esempio, se siamo stati licenziati oppure disoccupati o inoccupati, possiamo richiedere prestiti pensati appositamente per le nostre esigenze. Il tasso di interesse è solitamente fisso e generalmente diminuirà anche rispetto al valore determinato dal flusso di mercato in quel momento. Inoltre, questi prestiti possono essere erogati anche in un breve periodo di tempo ed erogati in piccole somme. Questi numeri non sono molto alti, quindi il tempo di rimborso non si estenderà in un lungo arco di tempo, verranno piuttosto richiesti indietro in un tempo piuttosto breve. Ma i vantaggi sono vari e molti.

Quale documentazione e quali requisiti vengono richiesti

Anche quando si tratta di piccoli prestiti, è importante che le banche possano contare su garanzie per proteggersi dai casi di fallimento. Pertanto, è opportuno e necessario fornire garanzie alle banche o istituti di credito. In primo luogo, dobbiamo disporre di documenti accurati per dimostrare la nostra identità e quindi dimostrare il nostro stato finanziario. Di solito comprende la presentazione di CUD, 730, cedolini pensionistici e contratti di lavoro. Inoltre, tutti i candidati non devono superare i 75 anni di età.

Sebbene ci siano alcune eccezioni, variano da banca a banca. Dopo l’approvazione della richiesta, i fondi verranno depositati sul conto corrente del cliente, solitamente entro un massimo di due giorni dalla richiesta dei fondi.

Quando un colf in cassa integrazione può richiedere un prestito agevolato?

Una riduzione della retribuzione di un lavoratore in esubero causerà ovviamente squilibrio e instabilità, almeno in parte all’interno della famiglia, da ciò il lavoratore sarò costretto a riconsiderare le spese precedenti e gestirle in maniera completamente diversa. Infatti, quando si entra nello stato di cassa integrazione, la banca vedrà deteriorarsi la situazione finanziaria di una persona (credit score) e ha una visione diversa di noi.

In particolare, la riduzione dei salari ha un impatto negativo sui prestiti salariali, perché le garanzie richieste per i prestiti sono diminuite e si sono assottigliate. Ciò non toglie che sia possibile richiedere prestiti per persone che rientrano in ogni categoria di cassa integrazione, infatti si possono apportare ulteriori garanzie, ad esempio un fideiussore che ci farà da garante, porre un immobile ad ipoteca, così come un pegno di beni mobili, quali automobili, gioielli e simili. Infine vi è anche la possibilità di porre a garanzia il TFR.

Prestiti per persone con disabilità: cosa c’è da sapere

In Italia, diverse agenzie nazionali di credito hanno sottoscritto con l’INPS una convenzione speciale per erogare credito ai disabili. Questo rende più facile per loro ottenere credito. I tassi di interesse sono generalmente molto favorevoli, e d’altra parte dovrebbero esserlo. Per richiedere questo tipo di prestito, però, è necessario possedere alcuni requisiti: innanzitutto non è necessario solo iscriversi all’A.N.D.I.
Per l’iscrizione è necessario pagare una quota annuale di EUR 25,00 – ma bisogna presentare le seguenti questioni:

  • Prova dello stato di invalidità civile supera il 74%,
  • Non risultare titolare della pensione di invalidità civile,
  • È stata ottenuta l’approvazione delle agevolazioni di cui all’articolo 104.

Perché non basta avere un certificato che attesti l’essere invalidi?

Questo perché il tipo assegno non è soggetto alla cessione del quinto (garanzia bancaria). Questo perché rappresenta un sostegno al reddito per le persone in difficoltà finanziarie, piuttosto che pensioni trasferibili.

Badanti italiane e straniere: come si richiede un prestito velocissimo?

Anche una colf o una badante, sono una di quelle categorie con diritto di credito per far fronte alle varie tipologie di spesa. Naturalmente, ci sono alcuni requisiti e condizioni che devono essere seguiti, che sono diversi dagli altri clienti, ma non sono molto rigidi.

Innanzitutto è necessario distinguere tra assistenza di una colf italiana o straniera. Quest’ultimo, infatti, richiede più documenti e condizioni. In primo luogo, se provengono da un paese della Comunità Europea, devono avere la residenza principale in Italia. Il lavoratore deve inoltre fornire documenti sufficienti per dimostrare il proprio luogo di residenza.

Per quanto riguarda il reddito derivante da assistenza familiare, questo deve essere generato interamente, o in percentuale più elevata da un contratto stipulato nel territorio italiano. Infatti, pur avendo la residenza in Italia, le badanti che svolgono attività lavorativa all’estero non possono avviare tale finanziamento. Per poter ottenere prestiti da famiglie straniere abbiamo anche un terzo requisito molto importante, che è il permesso di soggiorno. Infatti, la persona che richiede un prestito deve essere assolutamente solvibile. Ovviamente le persone nate in un Paese appartenente all’Unione Europea non necessitano di alcun permesso di soggiorno.

Sono molte le categorie di clienti che hanno diritto al credito. Cambieranno solo documenti e garanzie. Per quanto riguarda l’assistenza familiare, richiedere un prestito è molto più semplice di quanto si pensi. Se sei straniero è sufficiente una buona reputazione con un permesso di soggiorno e non lavori in nero ma su base contrattuale.

Conclusioni e consigli finali

Hanno diritto al credito le badanti italiane o straniere. Se hanno un contratto regolare da lavoratore subordinato presso le famiglie per cui lavorano, possono utilizzare un quinto del loro salario per ottenere il prestito, la cosiddetta cessione del quinto.

Al fine di fornire una garanzia alla banca, in alcuni casi, quest’ultima potrebbe richiedere l’intervento di un fideiussore terzo, cioè di un garante. Si tratta di proteggere debitori e banchieri. Nel primo caso, il garante paga per conto del debitore in caso di difficoltà finanziarie, e nel secondo caso, fornisce protezione alla banca per non pagare i suoi interessi creditizi.
Se la colf è straniera, deve presentare documenti di richiesta di prestito più dettagliati. Il tuo reddito deve essere guadagnato interamente in Italia, senza reddito estero. Inoltre, il permesso di soggiorno è un documento determinante, senza il quale la procedura non può essere avviata per nessun motivo.

Ovviamente la banca non emetterà prestiti a chi non fornirà garanzie. I tassi di interesse sono generalmente agevolati e i prestiti possono essere richiesti comodamente da casa. Infine, abbiamo sempre voluto consigliare ai nostri lettori di condurre ulteriori ricerche sul tema dei prestiti per badanti. Questa categoria, infatti, può essere definita in diversi modi, sia come lavoratore domestico che come libero professionista con partita IVA. Pertanto, dal punto di vista del suo quadro giuridico e fiscale, i prestiti che possono essere da loro richiesti avranno una serie di conseguenze.

Come lavoratore dipendente, puoi facilmente ottenere il quinto incarico o un semplice prestito personale, e fornire a garanzia la tua rendita salariale. Come libero professionista, invece, la badante non può ottenere la cessione del quinto, ma può utilizzare molte altre formule per dimostrare il proprio reddito negli ultimi anni, quindi alla banca deve allegare le ultime dichiarazioni dei redditi per dimostrare che la stabilità del reddito futuro gli consente di rimborsare il prestito, altrimenti, come dicevamo, dovrai rivolgerti a un fideiussore, il cosiddetto garante. Inoltre, se abbiamo domande su prestiti o finanziamenti, è meglio affidarsi a professionisti. Un avvocato specializzato in questa materia può sicuramente servirti. Così come un commercialista saprà indicare se il prestito possa offrire le giuste garanzie economiche e se ne valga la pena dal punto di vista degli interessi e delle diverse proiezioni in ambito economico e finanziario.