Prestiti velocissimi: come calcolare la rata

Indice dei contenuti

Definire l’entità della rata di un prestito diventa determinante nella scelta del piano di credito più adatto alle proprie esigenze. Diversi sono i fattori che di cui tener conto per capire meglio il prestito che si sta richiedendo e di conseguenza l’entità dei rimborsi periodici da addebitare.
I 3 più importanti sono: l’interesse annuo globale, il costo del finanziamento e il numero delle rate mensili. Calcolando queste tre variabili sarà possibile adattare il credito a misura del richiedente.

Non solo! Avremo gli strumenti per stabilire con maggiore precisione l’offerta di prestito migliore fra quelle che continuamente ci vengono proposte in un mercato sempre più preda di una comunicazione selvaggia e con poche regole certe a tutela del consumatore.

Nelle righe seguenti cercheremo di spiegare in maniera semplice e comprensibile come le banche (o gli istituti di credito in generale) elaborano l’entità delle rate e così facendo determinano l’accessibilità al credito dei propri clienti.

Cos’è il TAEG e come calcolarlo

Il tasso annuo effettivo globale (TAEG), è il tasso che tiene conto di tutti i costi di un prestito, vale a dire:

  • interessi bancari (tasso d’interesse nominale),
  • le spese di gestione (commissioni bancarie o commissioni di intermediazione),
  • il costo dell’assicurazione obbligatoria (assicurazione della banca o di un’altra società),
  • le commissioni di garanzia,
  • ogni tassa necessaria per l’ottenimento del credito.

Il TAEG viene espresso in formato percentuale e costituisce l’indicatore più efficace e utilizzato per il confronto delle offerte di diversi istituti di credito.

L’interesse annuo globale di un determinato prestito dipende dallo storico creditizio del richiedente, dall’importo domandato e dal creditore.
Per calcolarne l’ammontare, ci sarà bisogno in particolare delle seguenti informazioni:

  • l’importo del prestito,
  • il costo del finanziamento,
  • la durata del prestito.

Di seguito riportiamo i passaggi necessari per calcolare il tasso di interesse effettivo globale (TAEG) del prestito richiesto:

  1. Dividere il costo del finanziamento per l’importo del prestito.
  2. Moltiplicare il risultato per 365 (per ottenere l’interesse annuale).
  3. Dividere il risultato per la durata del prestito.
  4. Moltiplicare il risultato per 100 per ottenere la percentuale.

Esempio pratico: Antonio ha richiesto un credito di 3000 euro e paga 500 euro di interessi per 10 mesi. Seguendo ora i passaggi appena elencati saremo in grado di calcolarci il TAEG.

  1. Dividere € 500 per € 3000. Il risultato sarà 0,166
  2. Moltiplicare 0,166 per 365 (giorni dell’anno). Il risultato sarà 60,833 (interesse annuale).
  3. Dividere 60.833 per 300 (dal momento che il prestito è di 10 mesi), che dà 0,2028.
  4. Moltiplicare il valore ottenuto per 100 che dà il 20,28%, che corrisponde al tasso di interesse annuale o TAEG.

Calcolo della rata: ecco come fare

Con rate di pagamento si riferiamo agli importi da saldare ad ogni scadenza al fine di rimborsare con gradualità il creditore e aggiornare lo storico creditizio del cliente. Possono essere mensili, settimanali, bisettimanali, ecc. Tutto dipende dalle condizioni del prestito e dal creditore.

Tre sono gli elementi che l’istituto di credito considera nell’elaborazione delle rate di rimborso: l’importo totale erogato, gli interessi e i termini di prestito.

Matematicamente il calcolo da eseguire è:
Pagamento del prestito = Importo prestito / Fattore di sconto.

Per poterlo eseguire occorreranno le seguenti informazioni:

  • Numero di periodi di pagamento
    (n) = numero di pagamenti per anno moltiplicato per il numero di anni (numero delle mensilità).
  • Interessi per il periodo
    (i) = Interesse annuale diviso per il numero di pagamenti per anno.
  • Fattore di sconto
    (D) = {[1 + i) n] – 1} / [i (1 + i) n].

Esempio: se Antonio prende in prestito € 4000 al 35% per 2 anni con rate mensili, a quanto ammonterà la rata con cui rimborserà il suo creditore?

Svolgimento:

  1. n = 24 (sono due anni di mensilità).
  2. i = 0,029 (il 35% espresso in decimale è 0,3 diviso 12 dal momento che i pagamenti sono mensili).
  3. D = 17.12 ({[(1 + 0.029)24] – 1} / [.029 (1 + .029) 24]).
  4. P = Fattore di prestito / Fattore di sconto = € 4000 / 17,12 = € 233

I pagamenti mensili di un prestito di € 4000 al 35% per 2 anni, verrebbero rimborsati con una rata mensile di € 233.

Costo del finanziamento: come calcolarlo

Per costo del finanziamento si intende il costo totale da pagare per ricevere il credito, inclusi interessi sul prestito più altri oneri vari.

Per calcolarlo è necessario l’importo totale, la durata e l’interesse del prestito richiesto. Il conteggio risulta assai semplice se si conoscono già l’interesse annuale e le spese di pagamento.

Rifacendoci all’esempio precedente: a quanto ammontano i costi di finanziamento di un prestito di € 4000 al 35% per 2 anni con pagamenti mensili di € 233 e con un sovra-costo pari a € 100 relativo a commissioni di vario genere?

Svolgimento:

  1. Moltiplicare la rata per la durata mensile del finanziamento (€ 233 per 24 che dà € 5592).
  2. Aggiungere all’importo ottenuto la somma delle commissioni da pagare (commissioni di concessione del prestito, ecc. In questo caso € 100).
    Quindi, € 5592 + € 100 = € 5692
  3. Sottrarre l’importo totale per l’importo principale del prestito (€ 5692 meno € 4000 che dà € 1692).
  4. Il costo totale del finanziamento per questo prestito è € 1692 (o € 70,5 al mese).

Come scegliere l’offerta migliore

Calcolare le diverse variabili che entrano in gioco nell’elaborazione delle rate di un prestito può essere complicato, e richiede come abbiamo visto, una certa dimestichezza coi calcoli. Se la matematica non è proprio la passione della vostra vita, come fare a confrontare le varie proposte per trovare la migliore?

Due sono le soluzioni che consigliamo:

  1. Servirsi di un sito web comparatore.
    È uno strumento di calcolo, messo a disposizione da un sito web, che consente agli utenti di simulare il proprio credito in base all’importo di cui si ha bisogno, al periodo di rimborso previsto e alle aliquote applicabili ad un determinato tipo di prestito. È generalmente disponibile per gli utenti dei siti di società intermediazione finanziaria, di prestiti online e degli istituti di credito.
    Semplicemente inserendo i parametri richiesti sarà possibile comparare le diverse offerte e scegliere con un click del mouse quella migliore.
  2. Contattare un intermediatore finanziario.
    Se non si ha una piena padronanza del mezzo utilizzato (PC, Tablet, smartphone, ecc.) o non si hanno particolari conoscenze di come funziona un prestito, consigliamo di rivolgersi ad un intermediatore finanziario. Questi è un professionista che si occupa di presentarvi e spiegarvi le condizioni offerte dai vari istituti di credito che più si adattano alle vostre esigenze. Questa soluzione peraltro quasi sempre non costa nulla o quasi nulla, visto che gli intermediatori finanziari guadagnano le loro commissioni dalle società finanziarie e non dai richiedenti il credito. Unica raccomandazione: assicurarsi che sia iscritto regolarmente alle liste accreditate dalla Banca d’Italia.